Denominazione commerciale:Talendo(Importazione parallela)

Elenco dei prodotti fitosanitari (stato:03.12.2022)

Categoria di prodotti: Titolare dell'autorizzazione all'estero: Numero federale di omologazione:
Fungicida
Du Pont De Nemours Italiana
I-6452
Foglio illustrativo n.: Paese di provenienza: Numero d'omologazione estero:
7451 Italia 012106
Principio: Tenore: Codice di formulazione:
Principio attivo: Proquinazid
20.53 %200 g/l
ECconcentrato emulsionato
Applicazioni
A Coltura Agente patogeno/Efficacia Dosaggio Restrizioni
W Vite
Oidio della vite
Concentrazione:0.025 %
Dose:0.4l/ha
1, 2, 4, 5, 6, 7
W Vite
Oidio della vite
Concentrazione:0.025 %
Dose:0.4l/ha
2, 3, 4, 5, 6, 7, 8
F Frumento
Segale autunnale
Triticale
Oidio dei cereali
Dose:0.25l/ha
Applicazione:Stadi 31 - 61 (BBCH).
5, 9
F Orzo
Oidio dei cereali
Dose:0.25l/ha
Applicazione:Stadi 31-51 (BBCH).
5, 9


Restrizioni e osservazioni:
  1. SPe 3: per proteggere gli organismi acquatici dagli effetti della deriva rispettare una zona tampone non trattata di 20 m dalle acque superficiali. Tale distanza può essere ridotta attuando le misure di riduzione della deriva secondo le istruzioni del Servizio di omologazione.
  2. La dose indicata si riferisce allo stadio BBCH 71-81 (J-M, dopo la fioritura), trattamento con una quantità-referenza di poltiglia di 1600 l/ha (base per il calcolo), oppure a un volume fogliare di 4'500 m³/ha. La dose va adattata al volume fogliare in base alle Istruzioni del Servizio di omologazione.
  3. Applicazione per via aerea.
  4. Lavori successivi in colture trattate: indossare guanti + indumenti protettivi fino a 48 ore dall'applicazione del prodotto.
  5. Durante la preparazione della poltiglia: Indossare guanti di protezione + indumenti protettivi + occhiali di protezione o una visiera.
  6. SPa1: Per evitare l'insorgere di resistenze il presente o qualsiasi altro prodotto fitosanitario contenente il principio attivo Proquinazid, Quinoxyfen o un altro principio attivo del gruppo delle azanaftalene non può essere applicato più di 3 volte all'anno per particella; sono consentiti al massimo 2 trattamenti successivi.
  7. SPe 3: Per proteggere gli organismi acquatici è necessario ridurre il rischio di dilavamento di 2 punti come contemplato nelle istruzioni del Servizio di omologazione.
  8. SPe 3: Per proteggere organismi acquatici dagli effetti della deriva rispettare una zona tampone non trattata di 60 metri dalle acque superficiali.
  9. Al massimo un 1 trattamento per coltura.


Caratterizzazione di pericolo:
Si applicano la classificazione e la caratterizzazione dell’etichetta originale estera..

Ulteriori simboli di pericolo svizzeri:
  • SP 1Non contaminare l'acqua con il prodotto o il suo imballaggio.


In caso di dubbio valgono soltanto i documenti originali dell'omologazione. La menzione di un prodotto, principio attivo o di una ditta non rappresenta alcuna raccomandazione.